Articoli del mese: aprile 2019

I muri di conflitto

muro-usa

Muro tra Stati Uniti e Messico (fonte : La Repubblica)

Nel 1989 cade il muro di Berlino e con esso la separazione  dei paesi orientali da quelli occidentali.
Poteva essere l’inizio di un epoca di pace, ma, oggi i muri sono più numerosi che nel 1989.
Oggi sono tanti i muri nel mondo come il muro tra U.S.A e Mexico, il filo spinato tra Ungheria e Austria e la barriera tra Ungheria e Serbia.
Questi muri e tanti altri possono essere fatti di torrette, di pietra, di metallo, di elettricità, di cemento armato, di concertina e di filo spinato ed essere anche controllati dalla vigilanza armata, dalle telecamere, dai posti di blocco, dai check-point.
Per oltrepassare il confine e le frontiere serve il passaporto se no non ti faranno passare.
Le nazioni, gli stati, le regioni e i  comuni sono tutti governati da un’amministrazione e si distinguono gli uni dagli altri per i confini politici.
Entro quei confini  ci sono diritti, doveri, leggi e costituzioni che valgono per tutti coloro che vivono in quei territori.
In alcune città, stati, regioni… purtroppo ci sono stati conflitti e guerre che hanno causato la divisione tra parti diverse della popolazione. È  in queste situazioni che si costruiscono i muri. Anche la divisione tra ricchi e poveri,  tra forti e deboli, e la discriminazione, la separazione e l’esclusione si realizzano costruendo muri. Degli esempi di segregazione sono: il ghetto di Varsavia dove furono costretti a vivere gli ebrei di quella città dal regime nazista e Alphaville dove da parte dei ricchi sono state erette barriere con lo scopo di proteggersi, di sentirsi al sicuro e di ripararsi dal rischio di essere derubati dai poveri, ma questo ha contribuito a creare una forte divisione tra persone di uno stesso popolo. Continua a leggere